Come impugnare una sanzione antitrust

Come impugnare una sanzione antitrust – Impugnare una multa AGCM – Normativa antitrust – Impugnazione sanzione AGCM

Chi è l’AGCM

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) è un’autorità amministrativa indipendente istituita in Italia con la Legge 10 ottobre 1990, n. 287.

E’ un Ente che si occupa della tutela della libera concorrenza e della protezione del mercato da eventuali situazioni patologiche, espressamente previste dalla normativa antitrust.

Le competenze dell’AGCM

L’AGCM ha competenze relative alle violazioni della normativa antitrust previste dagli artt. 2 e ss. della Legge 287/1990, e cioè:

  • abuso di posizione dominante;

  • intese restrittive della concorrenza;

  • operazioni di concentrazione sopra un certo valore, quando realizzate illegittimamente.

In questi casi può avviare istruttorie, adottare provvedimenti cautelari e comminare sanzioni.

Ha poi un importante ruolo di protezione del consumatore da pratiche commerciali scorrette, pubblicità ingannevole o clausole vessatorie.

La  sanzione antitrust

Inibitoria urgente e sanzione pecuniaria dal 3% al 10% del fatturato dell’impresa

L’AGCM può adottare provvedimenti di diversa tipologia:

  • provvedimenti cautelari: l’AGCM può ordinare la cessazione immediata del comportamento contrario alla normativa antitrust;
  • provvedimenti sanzionatori: l’AGCM può infliggere a chi si renda responsabile di una “infrazione grave, tenuto conto della gravità e della durata dell’infrazione” una sanzione fino al 10% del fatturato dell’impresa.

Come impugnare una sanzione antitrust

Per impugnare una multa AGCM, o comunque un provvedimento dell’Autorità Garante della Concorrenza occorre necessariamente rivolgersi ai poteri giurisdizionali.

Come impugnare una sanzione antitrust – Giurisdizione e competenza

Competente per l’impugnazione sanzione AGCM è il TAR del Lazio

La impugnazione sanzione AGCM si propone alla giurisdizione amministrativa. In particolare, l’art. 33 della Legge 287/1990 prevede che “La tutela giurisdizionale davanti al giudice amministrativo è disciplinata dal codice del processo amministrativo”. Più precisamente, la legge individua come Giudice competente il Tar del Lazio.

Come impugnare una sanzione antitrust – Profili di possibile impugnazione

Occorre valutare non solo il contenuto del provvedimento, ma anche il suo iter procedimentale

Come per tutti i provvedimenti amministrativi, impugnare una multa AGCM comporta l’attenta analisi:

  • non solo del contenuto del provvedimento, ma
  • anche dell’iter procedimentale che ha condotto all’adozione del provvedimento.

In particolare, occorrerà verificare se sussistevano effettivamente i presupposti per la sanzione (e dunque se effettivamente l’AGCM ha correttamente valutato le effettive responsabilità), e se sono state correttamente interpretate le regole per la quantificazione della sanzione stessa. 

Sotto l’aspetto procedimentale, occorrerà verificare  che l’istruttoria sia stata effettivamente condotta nel  rispetto dei canoni che conducono all’adozione dei provvedimenti amministrativi (ad es. il contraddittorio).

I provvedimenti di Studio Legale Adamo

Abbiamo ottenuto provvedimenti confermati anche dalla Corte di Giustizia

Ci siamo occupati di numerosi casi di competenza dell’AGCM di rilevanza nazionale, ottenendo provvedimenti favorevoli poi confermati anche dal TAR del Lazio, dal Consiglio di Stato e dalla Corte di Giustizia Europea.

Anche “REPORT”, trasmissione di RAI3, si è occupata di alcuni “nostri casi”

Di alcuni nostri casi si è anche occupata la nota trasmissione televisiva “Report” di Rai3 (guarda il video oppure guarda la trascrizione).

Hai bisogno di sapere come impugnare una sanzione antitrust? Devi impugnare una multa AGCM? Vuoi sottoporre all’AGCM una violazione della normativa antitrust?

Contattaci subito 051.19901374

Oppure scrivici da qui