Concorrenza sleale e design

Contraffazione di un disegno registrato

Concorrenza sleale e design – Si pronuncia il Tribunale di Roma con una Sentenza del 4 novembre 2019, nella quale i Giudici capitolini tracciano il perimetro nell’ambito del quale possono coesistere due elementi di design che presentino elementi di somiglianza.

CONTATTACI

Per il Tribunale, “costituisce contraffazione di un disegno registrato la produzione e/o commercializzazione di prodotti aventi forme che suscitano, nell’utilizzatore informato, la medesima impressione generale, riproducendo le caratteristiche individualizzanti del titolo di privativa, tenuto anche conto del margine di libertà del designer nel realizzare il modello. Il giudizio sulla contraffazione di un design prende dunque come riferimento quello di un utilizzatore informato, ossia un consumatore finale attento che, pur non essendo un esperto di settore e/o un designer, usi il prodotto e conosca il mercato specifico all’interno del quale si colloca il modello. All’utilizzatore informato si chiede quindi di operare un confronto tra il modello ed il prodotto asseritamente contraffattivo, al fine di accertare se quest’ultimo susciti o meno, all’esito di una analisi di insieme e complessiva, una impressione generale diversa rispetto alle linee rivendicate dal disegno o modello registrato. Nella conduzione di tale test il disegno o modello va considerato nel suo effetto di insieme e non va dato peso alle modifiche insignificanti apportate dal presunto contraffattore“.

Prosegue, poi, il Tribunale, rilevando come “va invece attribuito particolare rilievo all’identità degli elementi formali che conferiscono al disegno o modello un proprio carattere individuale. Il carattere individuale del disegno o modello registrato rappresenta, quindi, l’elemento fondamentale per il giudizio di contraffazione, dal momento che il requisito dell’individualità difetta qualora il confronto tra due disegni (o tra il disegno registrato e il prodotto in contraffazione) dia luogo ad un’impressione di “già visto”. In sintesi, il carattere individuale, consiste nella capacità di un design di farsi notare per la peculiarità del suo aspetto e tale requisito consente al prodotto di riferimento di istituire un contatto privilegiato con l’utilizzatore informato“.

CONTATTACI