Sfratto e Covid

Si pronuncia il Tribunale di Venezia – Rigettata la richiesta di sfratto

Sfratto e Covid – Richiesta di sfratto – Impossibilità parziale – Riduzione del canone di locazione – Il Tribunale di Venezia rigetta la convalida di sfatto e dispone la prosecuzione del procedimento avente ad oggetto al riduzione del canone locatizio.

Sfratto e Covid – La vicenda

Nel corso di un procedimento per convalida di sfratto per morosità, il Tribunale di Venezia ha rigettato l’istanza di rilascio ex art. 665 c.p.c., disponendo la prosecuzione del procedimento nelle forme del rito locatizio per la rideterminazione del canone.

La parte intimata comparsa all’udienza si era infatti opposta allo sfratto eccependo che la morosità era circoscritta ai canini di marzo-maggio 2020, periodo durante il quale non aveva potuto svolgere l’attività commerciale nell’immobile locato a causa della normativa sanitaria di contenimento al Covid-19.

Sfratto e Covid – Le motivazioni del Tribunale

In primo luogo, il Tribunale, rilevava che nel caso di specie, non era configurabile una impossibilità assoluta di godimento dell’immobile, dal momento che lo stesso era comunque rimasto nella disponibilità del conduttore, il quale lo aveva utilizzato quale deposito per l’attrezzatura relativa all’attività commerciale.

Al contrario, invece, riteneva sussistente un’impossibilità parziale, seppur provvisoria poiché strettamente connessa alla ripresa dell’attività commerciale.

Il richiamo è pertanto all’art. 1464 c.c. per cui“Quando la prestazione di una parte è divenuta solo parzialmente impossibile, l’altra parte ha diritto a una corrispondente riduzione della prestazione da essa dovuta, e può anche recedere dal contratto qualora non abbia un interesse apprezzabile all’adempimento parziale.

Infine, constatava che il mancato adempimento dell’obbligazione di pagamento dei canoni non discendeva dalla volontà del conduttore, bensì dall’effettiva contingenza derivante dall’emergenza sanitaria e dalla connessa normativa restrittiva.

Ai sensi dell’art. 18 D.L. 18/2020 infatti la valutazione di responsabilità per inadempimento deve essere effettuata tentano conto del necessario rispetto delle misure di contenimento vigenti.

Sfratto e Covid – La decisione

Alla luce di tale percorso logico e sulla scorta del richiamo all’art. 1464 c.c., per la dedotta impossibilità parziale, il Tribunale di Venezia, rigettando la domanda di convalida dello sfratto e di concessione dell’ordinanza di rilascio provvisoria, ha disposto la prosecuzione del procedimento nella forme del rito locatizio al fine di rideterminare l’an e il quantum della riduzione del canone di locazione dovuto al locatore.

News a cura di Giovanni Adamo ed Eliana Arezzo

Hai bisogno di aiuto? Contattaci subito 051.19901374

Oppure scrivici da qui