Contraffazione del marchio

Contraffazione demarchi: la Cassazione si pronuncia sui criteri di valutazione

Contraffazione del marchio: la Corte Suprema di Cassazione si pronuncia con l’Ordinanza n. 26000 del 17 ottobre 2018 in materia di contraffazione, per fornire le linee guida per l’interprete chiamato a valutare la sussistenza o meno di una fattispecie contraffattoria.

In particolare, la Corte statuisce che “In tema di tutela del marchio, l’apprezzamento del giudice di merito sul rischio di confusione fra segni distintivi similari deve essere compiuto non in via analitica, attraverso il solo esame particolareggiato e la separata considerazione di ogni singolo elemento, ma in via globale e sintetica, vale a dire con riguardo all’insieme degli elementi salienti grafici e visivi, mediante una valutazione di impressione, che prescinde dalla possibilità di un attento esame comparativo e che va condotta in riferimento alla normale diligenza e avvedutezza del pubblico dei consumatori di quel genere di prodotti, dovendo il raffronto essere eseguito tra il marchio che il consumatore guarda ed il mero ricordo mnemonico dell’altro“.

In altri termini, la Corte esclude che, nel valutare la sussistenza della contraffazione, il Giudice debba compiere una verifica comparativa, elemento per elemento, dei singoli componenti dei marchi in contestazione, dovendosi attribuire rilievo all’ “impressione” complessivamente suscitata nell’utenza.

In senso confermativo, già in precedenza, anche Cass., 27 maggio 2016, n. 11031, per la quale la valutazione va compiuta “in via globale e sintetica, avuto riguardo a tutti gli elementi distintivi e dominanti, grafici, visivi, fonetici, concettuali o semantici, senza alcuna previa gerarchia tra gli stessi“.

Ed in effetti, così come rilevato anche dalla giurisprudenza di merito (cfr. anche la recentissima Trib. Milano, 16 ottobre 2018), “Occorre altresì tener conto del fatto che il consumatore medio solo raramente ha la possibilità di procedere ad un confronto diretto dei vari marchi, ma deve fare affidamento sull’immagine non perfetta che ha mantenuto nella memoria e che il suo livello di attenzione può variare in funzione della categoria di prodotti o di servizi di cui trattasi (v. sentenza della Corte di giustizia 22.6.1999, causa C- 324/97, L.S.M. & Co. GmbH/klijsen H.B.L., GU UAMI, 1999, pag. 3819, punto 26)“.

CONTATTACI PER APPROFONDIMENTI