Concorrenza sleale ed inibitoria cautelare

Concorrenza sleale ed inibitoria: nuovo provvedimento del Tribunale di Napoli

Concorrenza sleale ed inibitoria cautelare: il Tribunale di Napoli si pronuncia con un nuovo, recentissimo provvedimento di inibitoria cautelare in materia di concorrenza sleale.

Si trattava, nel caso di specie, dell’impiego, da parte di un concorrente, di talune immagini in realtà di proprietà della ricorrente, della quale veniva riprodotto il marchio e perfino l’indirizzo.

Concorrenza sleale ed inibitoria: il contenuto del provvedimento

Il Tribunale ha ritenuto che “la documentazione versata in atti da parte ricorrente sembra confermare, allo stato, l’effettivo utilizzo, da parte della società resistente, di immagini pubblicitarie appartenenti alla xxx …. dalla documentazione prodotta in atti si desume l’incontestabile abusivo utilizzo, sul sito riconducibile alla yyy, delle ricevute riportanti il marchio e addirittura la sede e l’indirizzo della società stessa“.

Quanto, poi, al periculum in mora, il Tribunale ha ritenuto che “proprio in ragione della massima diffusività dell’illecito posto in essere dalla resistente, derivante dall’utilizzo, via web, delle immagini abusivamente acquisite, non può che confermarsi il concreto pericolo del pregiudizio in danno della xxx, anche nella forma dello sviamento di clientela. Inoltre, il perdurare nel tempo della riferita condotta sleale, massimamente amplificata dall’utilizzo dei riferiti strumenti informatici, accresce di giorno in giorno la temuta perdita di clientela, l’ipotizzata lesione all’immagine della società ricorrente, difficilmente quantificabili e ristorabili ex post“.

Le conseguenze del legame tra concorrenza sleale ed inibitoria cautelare, pertanto, nel caso di specie, conducevano il Tribunale ad una valutazione di sicura illiceità della fattispecie in esame.

Sulla base di tali considerazioni, pertanto il Tribunale di Napoli pronunciava inibitoria cautelare urgente in relazione ad ogni e qualsiasi impiego commerciale non autorizzato del marchio xxx e/o comunque l’impiego di immagini di prodotti recanti il marchio xxx e fissava in Euro 100,00 la somma da versarsi in favore di parte ricorrente per ogni giorno di ritardo nell’esecuzione del provvedimento nonché per ogni violazione contestata successivamente al presente provvedimento“.

Consulta il provvedimento

 

CONTATTACI PER APPROFONDIMENTI SULLA CONCORRENZA SLEALE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *