Internet

Liberalizzazioni – Diritti connessi al diritto d’autore

di Luca Valerio*

Il Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1 – Salva Italia – ha introdotto importanti modifiche anche in materia di diritto d’autore. In aprticolare l’art. 39, commi, 2, 3 e 4 (riportati poco oltre), rubricato: “Liberalizzazione del sistema di vendita della stampa quotidiana e periodica e disposizioni in materia di diritti connessi al diritto d’autore”, ha liberalizzato l’attività di amministrazione e intermediazione dei diritti connessi al diritto d’autore (si tratta in particolare dei diritti individuati agli articoli da 72 a 101 della Legge sul diritto d’autore). La norma affida ad un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, da emanarsi entro tre mesi dall’entrata in vigore della norma, e previo parere dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, l’individuazione dei requisiti minimi necessari per l’attività di intermediazione dei diritti connessi. Il successivo comma 4 fa salvi tutte le funzioni già assegnata alla SIAE.

In realtà il mercato dell’attività di amministrazione e intermediazione dei diritti connessi al diritto d’autore non è, già oggi, soggetto a regolamentazione né caratterizzato da un monopolio, sebbene talune disposizioni contenute nella Legge sul diritto d’autore riconoscano una posizione di privilegio al Nuovo IMAIE. Sul punto, però, il decreto non apporta alcuna modifica, infatti l’attuazione della disposizione è, di fatto, demandata all’emanando decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Di seguito il testo dell’art. 39, commi 2, 3 e 4:

2. Al fine di favorire la creazione di nuove imprese nel settore della tutela dei diritti degli artisti interpreti ed esecutori, mediante lo sviluppo del pluralismo competitivo e consentendo maggiori economicità di gestione nonché l’effettiva partecipazione e controllo da parte dei titolari dei diritti, l’attività di amministrazione e intermediazione dei diritti connessi al diritto d’autore di cui alla legge 22 aprile 1941, n. 633, in qualunque forma attuata, è libera.

3. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri da emanarsi entro tre mesi dall’entrata in vigore della presente legge e previo parere dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, sono individuati, nell’interesse dei titolari aventi diritto, i requisiti minimi necessari ad un razionale e corretto sviluppo del mercato degli intermediari di tali diritti connessi.

4. Restano fatte salve le funzioni assegnate in materia alla Società Italiana Autori ed Editori (SIAE). Tutte le disposizioni incompatibili con il presente articolo sono abrogate.

* Avvocato in Bologna – Professionista Senior – Studio Legale Adamo

Internet

Naufragio Costa Concordia – Trovato l’accordo per il risarcimento

di Luca Valerio*

 

Trovato l’accordo tra l’azienda e le associazioni dei consumatori in ordine ai rimborsi e ai risarcimenti per i passeggeri coinvolti nel naufragio della Costa Concordia. Le trattative, condotte nella sede di Astoi Confindustria-Viaggi, si concludevano in mattinata ed avevano ad oggetto esclusivamente il risarcimento per i passeggeri che non sono rimasti feriti nel naufragio e che non sono familiari delle vittime, i quali riceveranno dalla Costa Crociere una somma complessiva di € 14.000,00 ciascuno, a titolo di risarcimento per i danni patrimoniali e non patrimoniali (anche psicologici e “da vacanza rovinata). Inoltre Costa Crociere si è impegnata a non dedurre da tale cifra quanto eventualmente percepito dai clienti per rimborsi assicurativi legati a polizze individualmente stipulate.

 

 

*Avvocato in Bologna – Professionista Senior – Studio Legale Adamo

Internet

Sicurezza della navigazione marittima: Oggi le audizioni in 8a Commissione

La Commissione lavori pubblici ha in programma una serie di audizioni nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulla sicurezza della navigazione marittima, con particolare riferimento al tragico incidente che si è verificato al largo dell’isola del Giglio nella notte del 13 gennaio 2012.

Mercoledì 25 gennaio alle ore 14,30 si svolgerà l’audizione di Pierluigi Foschi, presidente e amministratore delegato della Costa Crociere; giovedì 26 gennaio alle ore 8,30 sarà ascoltato l’Ammiraglio Marco Brusco, Comandante generale del Corpo delle capitanerie di porto.

Studio Legale Adamo

Internet

Sottoscritto il programma di lavoro tra Europa e Cina per la cooperazione nel settore dei brevetti

* di Luca Valerio

 

Il presidente dell’European Patent Office (EPO), Benoît Battistelli, ed il Commissario dell’Ufficio della proprietà intellettuale di Stato della Repubblica Popolare Cinese (SIPO), Tian Lipu, hanno sottoscritto un programma di lavoro per rafforzare la cooperazione tra Europa e Cina nel settore dei brevetti.

Il programma di lavoro del 2012 si concentrerà, tra l’altro, sullo sviluppo di una piattaforma elettronica per lo scambio di documenti tra i due uffici, con l’obbiettivo di ridurre gli oneri amministrativi per gli utenti. Inoltre l’EPO sosterrà il SIPO nel classificare la documentazione cinese nel sistema di classificazione europeo ECLA, nonché fornirà servizi di formazione per gli esaminatori dei brevetti SIPO, principalmente tramite e-learning.

 

Esprimendo la sua soddisfazione per la buona riuscita della riunione di quest’anno, il predicente dell’EPO, Benoît Battistelli, ha dichiarato: «I nostri uffici godono già di una collaborazione molto forte, la condivisione di una base ampia di principi comuni, strumenti e procedimenti simili; il nuovo programma rafforzerà ulteriormente la nostra co-operazione. La semplificazione delle procedure, con l’eliminazione delle barriere linguistiche e la diffusione delle informazioni sui brevetti, sarà di grande vantaggio per coloro che intendono proteggere le proprie invenzioni sia in Europa sia in Cina».

Per maggiori informazioni clicca qui

* Avvocato in Bologna, Professionista Senior – Studio Legale Adamo

Internet

Blackout day – la democrazia del web

* di Luca Valerio

Nei giorni scorsi molti siti internet (tra i quali Wikipedia, Google, WordPress, Mozilla) sono stati oscurati in segno di protesta contro due proposte di legge statunitensi, il “Stop Online Piracy Act (SOPA)” e il “Protect IP Act (PIPA)”, conosciute anche come “internet Blacklist Bill”. La proposta di legge prevede la cancellazione dei nomi dei siti pirata dai server DNS (rendendoli, così, irraggiungibili al grande pubblico), il divieto agli Internet Provider, ai motori di ricerca nonché ai fornitori di servizi di pagamento, di avere collegamenti di qualsiasi genere con i siti pirata, pena l’oscuramento. A seguito della protesta alcuni politici hanno dichiarato che non voteranno la proposta (per maggiori informazioni clicca qui).

Mark Zuckerberg, ideatore e proprietari di facebook, ha pubblicato il seguente tweet:

“Internet è il più potente strumento che abbiamo per creare un mondo più aperto e connesso. Non possiamo permettere che leggi mal formulate segnino lo sviluppo di Internet. Facebook si oppone a SOPA e PIPA e continueremo ad opporci a qualsiasi legge che possa gravare su Internet.

Il mondo necessita di leader politici che siano pro-Internet. Abbiamo lavorato con molte persone nei mesi per una migliore alternativa alla proposta corrente. Ti suggerisco di approfondire il problema e di dire al vostro rappresentante al Congresso che voi siete pro-Internet.”


* Avvocato in Bologna, Professionista Senior – Studio Legale Adamo

Articoli GiocoNews

In questa sezione proponiamo gli articoli pubblicati sulla rivista GiocoNews

Gli articoli sono consultabili in formato PDF:

– Dicembre 2013 – “La sentenza di Venezia e le eventuali conseguenze risarcitorie”

– Novembre 2013 – “Fido, casino e gioco d’azzardo all’estero”

– Settembre 2013 – “CJEU: sempre necessarie le autorizzazioni di polizia, ma con un’eccezione”

– Agosto 2013 – “Orario sale giochi il Consigli di Stato riapre le “danze” del dibattito”

– Luglio 2013 – “Gli Ermellini bacchettano l’Amministrazione: concessioni giochi, si faccia meno confusione”

– Giugno 2013 – “La Corte Costituzionale fissa i paletti ai Comuni”

– Maggio 2013 – Braccio di ferro Comuni – operatori gioco a Vicenza la parola al Tar in attesa della Legge”

– Aprile 2013 – “Texas hold’em per la Cassazione uno “sport” ma il business chiede certezze normative”

– Marzo 2013 – “Bando scommesse – il TAR Lazio ribadisce la legittimità della gara italiana”

– Febbraio 2013 – “Ludopatia – il Tribunale di La Sapienza anticipa Balduzzi”

– Gennaio 2013 – “Gioco scacciacrisi, ma il gettito erariale scende”

– Giugno 2012 – Passaggio alle New Slot di terza generazione – Cui Prodest?

– Maggio 2012 – Decreto Fiscale, i rishi della moltiplicazione delle agenzie di scommesse

– Aprile 2012 – Gioco e divieti, i rischi della normativa allo studio

– Marzo 2012 – “Poker Live: in vista la definitiva regolamentazione del settore”

– Febbraio 2012 – Con il Cash Game aumentano i numeri del ‘gioco sicuro’

– Gennaio 2012 – “Poker sportivo non è gioco d’azzardo”

– Dicembre 2011 – “Poker sportivo non a distanza. La mancata regolamentazione”

– Novembre 2011 – “Il gioco e la crisi. La manovra fiscale e il ‘tesoretto’ del gaming”

– Ottobre 2011 – “La pubblicità dei giochi online, quali limiti e sanzioni?”

– Settembre 2011 – “Proposta di legge per la regolamentazione della pubblicità di giochi online: cosa cambierà?”

– Luglio/Agosto 2011 – “Inchiesta ‘piedi puliti’ possibile il risarcimento danni?”

– Giugno 2011 – “Poker online: a breve di nuovo legale negli U.S.A.?”

– Maggio 2011 – “Gioco e pibblicità ingannevole”

– Aprile 2011 – “La Cassazione sugli apparecchi idonei a modificare le vincite”

– Marzo 2011 – “Decreto casinò e tutela del ludopata”

– Febbraio 2011 – “Newslot, la responsabilità ‘soggettiva’ dei gestiri”

– Dicembre 2010 – “Una giurisdizione ad hoc per il settore del gioco?”

– Novembre 2010 – “VLT: affidamento sulla conclusione di un contratto di fornitura e responsabilità precontrattuale”

– Ottobre 2010 – “Il gioco tra tutela del nome e contraffazione”

– Settembre 2010 – “Ludopatia e amministrazione di sostegno, l’ultima rivoluzione parte da Varese”

– Luglio/Agosto 2010 – “Il gioco: la responsabilità da ‘cattiva comunicazione pubblicitaria’”

– Maggio 2010 – “Sequestro newslot e gioco d’azzardo: tra responsabilità civili e penali”

– Marzo 2010 – “(video) Giochi ‘proibiti’ e responsabilità civile”

– Ottobre 2009 – “Gioco e Spamming – Occhio alla privacy”

Internet

Pfizer, prima casa farmaceutica al mondo, con una strategia “escludente” avrebbe ostacolato e rallentato l’ingresso dei farmaci generici per la cura del glaucoma. Per questo l’Antitrust ha condannato il gruppo farmaceutico a pagare una super multa di 10,6 milioni di euro con l’accusa di abuso di posizione dominante.

L’Autorità ha anche intimato la cessazione del comportamento illegittimo. L’istruttoria è stata avviata a seguito della denuncia della società Ratiopharm Italia, interessata a produrre il farmaco generico, e di una ulteriore segnalazione della European Generic Medicines Association. Dalla documentazione, raccolta dagli uffici dell’Autorità, è emersa l’esistenza di una complessa strategia di Pfizer, che deteneva il 60% del mercato di riferimento, a difesa del farmaco Xalatan, leader mondiale nella cura del glaucoma e prodotto di punta della società. I comportamenti sono risultati finalizzati principalmente a proteggere la sua quota di mercato dall’ingresso dei medicinali equivalenti, a seguito della scadenza della protezione brevettale, fissata per settembre 2009. La strategia di Pfizer, secondo il Garante, è consistita nell’aver prolungato artificiosamente tale protezione dal settembre 2009 al luglio 2011 e, successivamente, al gennaio 2012, per allinearla a quella in vigore negli altri Paesi europei. I produttori di farmaci generici si sono così trovati in un clima di incertezza giuridica sulla possibilità di commercializzare le specialità equivalenti a base di latanoprost. Ad aumentare i dubbi hanno contribuito le numerose diffide inviate da Pfizer ai genericisti. Queste hanno condotto a un contenzioso amministrativo e civile con richieste di risarcimento danni in caso di commercializzazione dei medicinali generici prima della nuova scadenza della protezione brevettale di Xalatan di luglio 2011. I danni non sono di poco conto: la Pfizer avrebbe causato un mancato risparmio di 14 milioni di euro al Servizio sanitario nazionale.

 

Studio Legale Adamo

Internet

Nella vicenda che vede contrapposti i due colossi dell’informatica è stato scritto un nuovo capitolo che pareggia la situazione rispetto ai precedenti. Pochi giorni prima della commercializzazione in Italia dell’Iphone 4S, infatti, Samsung ha avanzato una richiesta di sospensione della vendita del prodotto poiché asseritamente realizzato con violazione di brevetti propri dell’azienda coreana.


Il procedimento è stato incardinato innanzi al Tribunale di Milano, presso la sez. specializzata in materia di proprietà industriale ed intellettuale, davanti al Presidente, Marina Tavassi. La richiesta di inibitoria è stata respinta con due provvedimenti paralleli: uno relativo alla causa di merito già avviata in relazione a uno dei due brevetti contestati e il secondo relativo all’altro brevetto contestato per il quale però non è ancora stata avviata la discussione davanti al giudice. Per il legale di Apple, quello di oggi è “un risultato positivo in quanto in questa primissima fase della lite si tratta di un successo di Apple“. Ora Samsung può proporre reclamo in tribunale e, se le due aziende non trovano un accordo, la causa andrà avanti con un’udienza prevista a fine febbraio.

 

 

Fonte: Il Sole

GianMaria Pesce

Studio Legale Adamo

Internet

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 2 gennaio 2012, n. 1. la Legge 15 dicembre 2011, n. 217 (Legge Comunitaria 2010).

Con tale normativa si è delegato il Governo ad adottare uno o più decreti legislativi per introdurre norme minime relative a sanzioni e a provvedimenti nei confronti di datori di lavoro che impiegano cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare.

 

Tra le altre novità che il Governo si impegna a recepire segnaliamo:

 

  • banche: la Banca d’Italia potrà fissare un tetto a retribuzioni e bonus dei dirigenti bancari;
  • cioccolato: abolizione dalle etichette della dicitura “cioccolato puro” e obbligo di smaltimento delle scorte entro 24 mesi;
  • codice del consumo: esercizio del diritto di recesso, modificati i termini del rimborso dei servizi finanziari a distanza da parte del fornitore e di restituzione del bene da parte del consumatore;
  • fondi comuni di investimento: modifiche alle norme in vigore al fine di consentire che una società di gestione del risparmio possa istituire e gestire fondi comuni di investimento armonizzati in altri Stati membri e che una società di gestione armonizzata possa istituire e gestire fondi comuni di investimento armonizzati in Italia;
  • spiagge: il governo è delegato ad adottare un decreto legislativo avente ad oggetto la revisione e il riordino della legislazione relativa alle concessioni demaniali marittime;
  • studenti fuori sede: detraibilità Irpef per i canoni derivanti da contratti di locazione e di ospitalità stipulati, ai sensi della normativa vigente nello Stato in cui l’immobile è situato, dagli studenti iscritti a un corso di laurea presso un’università ubicata nel territorio di uno Stato membro dell’Unione europea.

Fonte: Altalex

GianMaria Pesce

Studio Legale Adamo